Christian Marquand – Wikipedia

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Christian Marquand (, – , ) è stato un e .

Studiò recitazione ed esordì diciassettenne sulle scene teatrali, lavorando regolarmente come primo attore a e a . Nel lo scelse per affidargli un ruolo secondario nel suo film . Nel apparve in un ruolo non accreditato in uno dei capolavori del cinema francese, di , mentre nel impersonò un ufficiale boemo in di .

Divenuto ben presto un sex symbol del grande schermo, lavorò al fianco di molte dive dell’epoca, come in () e in (). Tuttavia fu impiegato prevalentemente in ruoli di robusto caratterista in una cinquantina di pellicole, anche produzioni internazionali come (), (), () e ().

Durante gli , tentò di allontanarsi dalla propria immagine degli esordi e provò a cimentarsi dietro la macchina da presa, dapprima dirigendo la commedia (), interpretata da , e successivamente curando la regia di (), una parodia sexy che ebbe un enorme successo di pubblico, tanto da indurlo a dichiarare di voler smettere del tutto di recitare. Tuttavia non ebbe più occasioni di cimentarsi con la regia e tornò a recitare per il grande schermo. Apparve, fra gli altri film, nella riedizione del di , integrata da di tutti i precedenti tagli.

Marito dell’attrice , fu amico di fin dai tempi in cui entrambi erano giovani attori in cerca di affermazione a . Brando chiamò Christian il figlio avuto da , e l’amicizia con Marquand durò per tutta la sua esistenza.

Era fratello della regista e dell’attore e produttore .

Attore[ | ]

  • (La belle et la bête), regia di (1946)
  • (Les Mains sales), regia di , (1951)
  • (Lucrèce Borgia), regia di (1953)
  • , regia di (1954)
  • , regia di (1954)
  • , regia di (1954)
  • (Les Hommes en blanc), regia di (1955)
  • (L’amant de lady Chatterley), regia di (1955)
  • (Et Dieu créa la femme), regia di (1956)
  • (Sait-on jamais…), regia di Roger Vadim (1957)
  • (Le désir mène les hommes), regia di (1958)
  • (Une vie), regia di (1958)
  • (L’île du bout du monde), regia di (1959)
  • (J’irai cracher sur vos tombes), regia di (1959)
  • , regia di (1960)
  • (La Récréation), regia di (1961)
  • – episodio: Antonia, regia di (1962)
  • (Le Crime ne paie pas), regia di (1962)
  • , regia di Fabien Collin (1962)
  • (The Longest Day), regia di e (1962)
  • (Les Saintes-nitouches), regia di (1963)
  • (La Bonne soupe), regia di (1964)
  • (Behold a Pale Horse), regia di (1964)
  • , regia di (1965)
  • (The Flight of the Phoenix), regia di (1965)
  • (Die Hölle von Macao), regia di (1967)
  • (La Route de Corinthe), regia di (1967)
  • (Victory at Entebbe), regia di (1976)
  • (The Other Side of Midnight), regia di (1977)
  • (Le Maître-nageur), regia di (1979)
  • , regia di (1979)
  • (La Choix des armes), regia di (1981)
  • (Emmanuelle IV’), regia di (1984)
  • (L’été prochain), regia di (1985)

Regista[ | ]

  1. ^ Le Garzantine – Cinema, Garzanti, 2000, pag. 742-743
  2. ^ Il chi è del cinema, De Agostini, 1984, Vol. II, pag. 340
  3. Richard Schickel, Brando, a Life in Our Times, Pavilion Books Limited, 1991. pag. 161
  4. Schickel 1991, pag. 161

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *